News: Avvistamento UFO zona Forio 24 marzo 2018

L’amico Salvatore Migliaccio ci ha inoltrato questo interessante video riguardante un oggetto volante non identificato ripreso dal parcheggio dei Marinai “Il Santa Barbara” in quel di Forio in data già specificata nel titolo. Salvatore precisa che: “L’oggetto volante, di colore bianco puro e bellissimo, è sceso verso la superficie del mare per poi rialzarsi nuovamente in volo e schizzare via ad incredibile velocità. E’ lo stesso oggetto che vidi un anno prima dallo stesso luogo”.

Noi conosciamo molto bene gli oggetti che Salvatore riesce a riprendere. Lo ringraziamo nuovamente con la speranza di trovare qualcuno che possa darci ulteriori informazioni.

Posted in Articoli & news.

Il mito della Terra Cava ad Ischia

Quando presentammo le nostre ricerche al pubblico presso la Biblioteca Antoniana di Ischia sul finire del 2016 non pensammo certo di far confluire il tutto in una pubblicazione. Tuttavia in molti ci chiesero di poterne sapere di più al riguardo. Quella sera, effettivamente, non ci venne dato tutto il tempo necessario. Questo fu chiaro fin dal giorno seguente. Oggi, a distanza di circa un anno, abbiamo deciso di mettere tutto nero su bianco. Abbiamo deciso di farlo scegliendo un formato di stampa inusuale ma necessario: il formato A4. La pubblicazione è interamente a colori, con foto ad alta risoluzione e tutto su carta patinata. Ciò giustifica il prezzo. Ma sia chiaro. Tutto andrà a beneficio dell’Associazione Luce e Verità ed alle ricerche storiche che ancora porta avanti. Premesso questo, il lettore capirà leggendo che ci troviamo difronte a materiale inedito e particolare. Il tutto amalgamato da testimonianze raccolte direttamente da bocca di coloro che vissero quei momenti storici. Non si stupisca il lettore. Se da un lato abbiamo il Mito della Terra Cava ad Ischia dall’altro riscopriamo la vita di uno scienziato ischitano di adozione inedita e sconosciuta. Essa ci fece capire che giù un secolo addietro ci fu qualcuno che capì di trovarsi al cospetto di fenomeni tutt’altro che scientifici….. Quel qualcuno fu Giulio Grablovitz, padre della sismologia moderna. Ed è grazie ad alcuni documenti da lui nascosti all’interno di una carta nautica che questa pubblicazione prende vita. Il resto sono testimonianze raccolte dalla bocca della figlia, quindi raccolte direttamente in casa Grablovitz….

 

Edizioni Youcanprint: “In questo saggio gli autori estrapolano dall’atavico “Mito della Terra Cava” ciò che riguarda la loro amata isola, andando a gettare le basi sulla quale poggeranno il loro “Mito della Terra Cava ad Ischia”. Verranno prese in considerazione leggende e documenti storici con l’intento di trovare quel filo conduttore che giungerebbe fino ai giorni nostri. Le particolari ricerche rese pubbliche a partire da “Epomeo,figlio di Agarthi” troveranno nuova linfa vitale grazie a preziosi documenti forniti da Paolo Capuano, pronipote di quel Giulio Grablovitz padre della sismologia moderna. Non sono passati che pochi anni da quando vennero trovati, ben nascoste in una carta nautica, una serie di documenti appartenuti allo scienziato Giulio Grablovitz, triestino di nascita ma ischitano di adozione. Il loro studio, grazie ad importanti testimonianze raccolte in prima persona direttamente in casa Grablovitz, dimostra che a cavallo tra il XIX ed il XX secolo visse qualcuno che capì di trovarsi al cospetto di fenomeni tutt’altro che naturali e tutti interessanti i cieli ed i mari ischitani. Due ricerche parallele ma confluenti in un’unica direzione”.

 

             Informazioni editoriali

  • Titolo: Il mito della Terra Cava ad Ischia
  • Autore: Salvatore Marino Iacono, Paolo Capuano
  • Data di uscita:2018
  • Pagine: 72
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788827821503
Posted in Articoli & news.

Ischia, studio energetico – Parte terza – Le Torri

Proseguiamo nuovamente con la nostra analisi energetica ischitana introducendo alcune novità a nostro avviso molto importanti. Riprendiamo il “modello energetico teorico” proposto nelle nostre precedenti analisi. La prima cosa che notiamo è un particolare interessante. Tracciamo una linea energetica teorica partente dal sito su cui sorge la Chiesa di Santa Restituta a Lacco Ameno e proseguiamo per la Cappella Piro, sempre in Lacco Ameno. Se prolungassimo detta linea in direzione Sud-Est notiamo che essa risulta praticamente coincidente con l’orientamento dell’asse maggiore della Chiesa di Piedimonte, dall’altro capo dell’isola. Prolungandola oltre, si giunge al cimitero del paese. Il nostro modello sembra funzionare e possiamo asserire che le tre chiese appena citate potrebbero verosimilmente “alimentarsi” con una Ley Line funeraria.

Un’ulteriore Lay Line funeraria sembrerebbe quella che dalla Colombaia di Zaro passi per la necropoli di San Montano e Santa Restituta. Tocca la Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Lacco Ameno raggiungendo il cimitero romano del Cilento e la chiesa di San Domenico, in quel di Ischia.

Questa Ley Line ne incrocia una di identica natura partente dall’albergo Mezzatorre e terminante al cimitero di Piedimonte dall’altro lato dell’isola.

Dall’intersezione di questi due flussi energetici sembra partire un nuovo flusso energetico che, dalla Baia di San Montano, passerebbe per la Chiesa del Purgatorio (lungo la strada per Forio), toccherebbe Torre Baiola e passerebbe per la Chiesa di San Michele Arcangelo a Monterone. Interessante è notare l’antico nome della Chiesa del Purgatorio. Anch’essa era consacrata all’Arcangelo Michele.

Il fatto che una Ley line passi per un’antica torre di avvistamento apre nuovi scenari energetici. Di fatto, Torre Baiola non sarebbe l’unica torre del comune foriano ad essere allineata energeticamente.

Un nuovo flusso energetico parte dalla Chiesa dell’Arcangelo Michele, tocca Torre Nacera, passa per la Chiesa di San Carlo e prosegue toccando Torre Torone fino a spingersi verso il cimitero di Forio. Siccome dalle nostre precedenti analisi già individuammo altri 2 flussi energetici confluenti in quella direzione, sembrerebbe che nel loro insieme vadano ad individuare una ben precisa zona poco al largo della litoranea di citara: Latitudine 40° 43′ 46” e Longitudine 013° 51′ 18”.

A questo punto è indubbia l’importanza della chiesa dell’Arcangelo a Monterone. Posizionando grossolanamente all’interno del tessuto urbano foriano l’antica chiesa consacrata a San Sebastiano ed abbattuta a seguito del sisma del 1883, ci accorgiamo che un tempo (ma forse ancora oggi) un flusso energetico partiva dalla chiesa dell’Arcangelo, toccava la chiesa di San Sebastiano e confluiva nella Chiesa di San Gaetano.

Altri flussi energetici sembrerebbero attirare la nostra attenzione. Dal cimitero di Forio nuovamente si giungerebbe alla Chiesa di San Vito, proseguendo per Torre Milone. Detto flusso energetico, toccati questi iniziali 3 punti, proseguirebbe in direzione Nord-est andando ad individuare alcuni incroci energetici dove non è sbagliato ipotizzare la presenza di un qualcosa in tempi antichi. Uno di questi incroci è collocato a poche decine di metri dal campo sportivo foriano: Latitudine 40° 44′ 27” e Longitudine 013° 52′ 07”. Ma gli esempi non mancano. A questo punto è doveroso per noi dar vita ad una nuova teoria. E’ mai possibile che qualcuno si sia preso la briga di costruire le antiche torri di avvistamento foriane su particolari flussi energetici in maniera tale da creare anche una barriera “magica” oltre che fisica? Noi pensiamo di si e più analizziamo il tessuto urbano foriano più ci accorgiamo che chiese e Torri sono legati energeticamente tra loro.Del resto, se in antichità le chiese si costruivano alla “vecchia maniera”, ossia per energie, non capiamo perchè non possa essere accaduta la stessa cosa per le Torri. Forse molti di voi si chiederanno a cosa potrebbe servire uno studio del genere. Ebbene, i nostri antenati non costruivano a caso; romani, greci e chi prima di loro sapevano come e dove costruire senza alterare le energie dei luoghi. Non possiamo certo affermare che la X è il punto dove scavare ma certamente è un punto da tenere in alta considerazione. Un esempio per tutti. A Fontana d’Ischia le adiacenti chiese di Sant’Antonio da Padova e di Maria della Mercede danno vita ad un flusso energetico che, viaggiando in direzione Sud-Ovest passerebbe per la Chiesa di Santa Maria del Carmine a Serrara fino a giungere in quella zona collocata tra Succhivo e Sant’Angelo dove noi, tempo addietro, ipotizzammo esserci stato un centro abitato greco-romano di notevole importanza. Per noi quel centro abitato ebbe il suo centro funerario poco lontano da Cava Grado…..

Posted in Articoli & news.

Bagno di San Montano

 

Ciò che pubblicheremo da oggi in avanti sarà un lavoro “a puntate”, lungo e laborioso. Fino ad ora si è sempre parlato dei benefici “materiali” che le acque dell’ isola d’ Ischia sanno donare a quanti ne fanno uso. Ma sul piano spirituale? Possibile che la nostra società moderna non faccia caso anche a quest’ altro aspetto delle nostre vite? Possibile che i nostri antenati perdessero solo tempo al riguardo? Ebbene, noi abbiamo deciso di far parlare proprio loro, le fonti d’acqua, conosciute o dimenticate. Di seguito ciò che volle precisare la sorgente d’ acqua di San Montano:

R: Volgi le tue energie in questo luogo, solo in pochi lo fanno. Troverai solidi legami con il Creato. Umane entità conoscevano le energie in questo luogo che assicurava il riposo che la Morte infondeva. Sono questi luoghi a sondare i vostri animi. Sono questi luoghi a sondare le vostre vite. Tramite le energie Creatrici che questi luoghi hanno da sempre, energie intense entreranno nei vostri corpi e trasformeranno ciò che compone il vostro corpo. Trasporterete energie in questo luogo ma solo gli energetici individui che hanno coscienza di ciò che ha dimora qui trasformeranno sé stessi. Nei secoli, nelle genti del luogo hanno lavorato energie Creatrici. In questo luogo umane entità trassero spirituali benefici e trovarono potenti energie grazie alle quali trovarono riposo le anime di coloro che abitarono questi luoghi. E’ importante sapere dove entrare. Sono questi luoghi potenti entrate verso mondi creati grazie a Superiori Volontà. Il vostro amore verso i vostri simili porterà trasformazione e Creatrici Energie. Quante energie in ciò che fate. Trasporto vita spirituale. Quando le tue energie trasportano le vostre membra nelle mie acque troverete tutto il necessario per trasformare le vostre vite. Trasportate quello che il vostro bagno umano vi concederà nelle vostre vite e trasportandovi nelle calde acque sorgive le energie umane lentamente illumineranno le vostre potenzialità spirituali. Il trasformante lavoro spirituale è tra i miei compiti. Volgi le tue aspettative nelle giuste direzioni. Sono in grado di umane trasformazioni. Grazie a sommate immersioni apporterete il necessario per trasformare Spirito e Corpo. Voi necessitate questa trasformazione. Umane energie necessitano trasformazioni creando in voi le giuste energie interiori. In questo modo apporterete le necessarie energie.

Quando Spirito e Corpo necessitano equilibrio a favore di Energie Creatrici, umane energie trasportano il necessario nelle vostre vite, In questa maniera si innesca il processo naturale di trasformazione. Nelle mie acque dono Energie Trasformatrici in grado di portare questo lavoro necessario in temporale avanzo. Spirito e Corpo ne trarranno solo Luce.

Sono in questo luogo acque ponte di Luce con Regioni Superiori. Ponete le vostre energie quando entrate in esse. Troverete energie Creatrici ponte inesauribile di Luce. Tramite queste acque donerete ciò che apprenderete in incognito quando si eleveranno i ostri Spiriti in Regioni umanamente Superiori. Quando ciò trasformerà il vostro Spirito le vostre cellule trasformeranno il vostro corpo e umane energie troveranno ciò di cui avete necessità e trasmetterete nel Creato Manifesto Amore inconsapevolmente. Le energie nuove apporteranno il cambiamento attorno a voi. Le energie trasporteranno energie rinnovate intorno a voi e chi è nelle vostre vite umanamente riceverà Amore e Luce. Ad ogni entrata nelle mie acque troverete contatto con Energie Creatrici fonte luminosa per voi e per coloro che vi circondano. Create il vostro mondo. Create il vostro Universo in cui armonizzare il vostro spirituale essere a favore del Creato Manifesto.

Posted in Articoli & news.

Chiarimenti

 

 

Mi sento in dovere di scrivere queste quattro righe per smentire alcune voci, attualmente in circolazione, secondo le quali io Iacono Salvatore Marino feci parte dell’ Associazione Culturale (che propone anche escursioni a carattere esoterico) ARCADIA tirandomene successivamente fuori. Preciso di non aver mai fatto parte dell’ Associazione Culturale ARCADIA. Attualmente ricopro la carica di Presidente dell’ Associazione Culturale “Luce e Verità”, prima ad Ischia ad essersi interessata di turismo esoterico fin dal 2016. Tutte le attività e le ricerche svolte affondano le radici in tre pubblicazioni attualmente edite da Youcanprint editore:

Epomeo, figlio di Agarthi

Mikael

Ischia Occulta

 

E’ dal 1993 che i componenti dell’ Associazione Luce e Verità si occupano dello studio esoterico dell’ isola d’ Ischia ed è custode dell’ eredità esoterica di Giulio Grablovitz. Chiunque affermi il contrario è in torto e noi siamo pronti a dimostrarlo

Posted in Articoli & news.

Ischia, studio energetico – Parte seconda

Nella foto in alto sono evidenziate la necropoli di San Montano, quella di Santa Restituta, il resort Mezzatorre e la Colombaia.

 

Il 24 luglio scorso accennammo qualcosa al riguardo dell’appendice ischitana di una diramazione della famosa linea energetica di San Michele Arcangelo che, dalla Terra Santa, giungerebbe in Nord Europa. Essa toccherebbe più santuari consacrati all’ Arcangelo, tra i quali quello in Puglia a Monte Sant’Angelo e quello in Nord Italia nota come la Sacra di San Michele. Con le nostre precedenti ricerche giungemmo alla conclusione che detta linea energetica, al Santuario omonimo al Gargano, dirami giungendo a Napoli per poi giungere a Nisida dove, in accordo con le teorie delle Ley Lines, devia per giungere a Procida. In quest’ isola tocca il poco noto Santuario di San Michele Arcangelo per proseguire alla volta di Ischia dove, giunta al nostro Castello Aragonese devia di quel poco che le permetterebbe di giungere sull’ isolotto di Sant’ Angelo nell’ omonimo borgo, a Sud dell’isola. La figura è chiara.

Ma che prove abbiamo di quanto ipotizziamo? In primis l’orientamento dell’asse maggiore del santuario procidano. Esso è di 242 gradi e punta esattamente in direzione del Castello d’ Ischia. Prolungando una retta in tale direzione la prima chiesa che incontriamo è quella dell’Immacolata al Castello Aragonese. Da essa prolunghiamo una retta in direzione della Torre di Sant’ Angelo dove la storia locale ci insegna esserci stato un convento con chiesa consacrato all’ Arcangelo. Una retta orientata in tal modo passa a pochi metri (passateci il termine) dall’ antica Chiesa di S. Anna ed ancor meno dall’ex cimitero comunale. Prosegue passando a pochi metri dal nuovo cimitero comunale ischitano ed a pochi metri dal cimitero di Piedimonte; centra in pieno la Chiesa di San Sebastiano a Barano per proseguire direttamente verso S. Angelo. Ricordiamo che la figura dell’Arcangelo Michele è associata ai cimiteri in quanto loro guardiano. L’Arcangelo Michele è da sempre considerato guida delle anime dei defunti ed è per questo che viene appellato “psicopompo”. Non deve stupirci il fatto che alcuni cimiteri si trovino a breve distanza dal fiume energetico Sacro. Anzi. Noi stiamo lavorando ipotizzando una retta ma l’esperienza ci dice che ciò non è possibile in natura. È logico ipotizzare invece un flusso energetico alla pari di un fiume, con le sue deviazioni grandi o piccole e così via. Per noi è l’energia stessa che guida le menti degli uomini e chiunque volle la costruzione di quei cimiteri può essere stato benissimo guidato da una volontà Superiore (sempre che non era cosciente della presenza dell’energia in questione). Ma andiamo avanti. Altra prova a nostro favore sono proprio quei Benedettini di cui abbiamo accennato precedentemente. Ebbene il Santuario di San Michele Arcangelo a Procida ha origini Benedettine. La sua origine risale all’ XI secolo, quando una comunità di Benedettini prese possesso di quel luogo. Altro luogo Benedettino lo ritroviamo a Sant’ Angelo d’ Ischia dove sull’ omonima torre venne costruito un convento dedicato all’ Arcangelo da una comunità di Benedettini. Non può esser un caso.

Al lettore interessato consigliamo la lettura de “Il villaggio di S. Angelo nell’isola d’Ischia” di Gino Barbieri ed “Ischia, archeologia e storia” di Pietro Monti. Sappiamo anche che una cappella dedicata all’ Arcangelo sulla torre di S. Angelo era presente almeno fino agli inizi dell’800. Ricapitoliamo:

 

 

FLUSSO ENERGETICO SACRO DI S. MICHELE ARCANGELO

 

–          Castello Aragonese

–          Chiesa di S. Anna ed annesso cimitero

–          Territori dell’antica Aenaria

–          Complesso case popolari “Cilento” in Ischia

–          Chiesa di San Rocco a Barano

–          Maronti

–          Torre di Sant’Angelo

CARATTERISTICHE:

–          Pochi metri dal Cimitero di Ischia

–          Transita per zona San Michele in Ischia

–          Pochi metri dal Cimitero di Piedimonte

–          Alle Fumarole il flusso è parallelo alla direttrice Fumarole-Cavascura ossia le sorgenti energetiche ischitane del Fuoco e della Terra (Ischia Occulta – 2017).

 

È bene a questo punto portare all’ attenzione del lettore un particolare “storico” dimenticato da molti ed ignorato dalla restante parte. Nel 1978 sembra che durante la costruzione del Cilento siano state trovate alcune sepolture di origine romana. Alcuni residenti della zona ci dissero che la questione finì anche sulle pagine dei quotidiani dell’epoca. Noi inizialmente prendemmo la notizia come infondata ma da una successiva analisi energetica ischitana sembrò che quel luogo fosse un punto di incontro energetico di notevole importanza e le foto riportate di seguito ne sono un chiaro esempio.

Altri flussi energetici minori sembra siano i seguenti:

1° Flusso: Albergo Mezzatorre-Colombaia-Chiesa di San Gaetano-Chiesa di Sant’Antonio Abate-Cimitero di Forio

In merito a questo flusso energetico è importante ricordare alcuni avvenimenti storici che lo caratterizzano. Noi, per comodità, abbiamo tracciato questo flusso energetico partendo dal Resort di lusso “Mezzatorre”, passando poi per la Colombaia fino ad arrivare al cimitero di Forio. Sappiamo che anticamente, il Mezzatorre, prese vita intorno al 1400 come torre di avvistamento e così rimase per i successivi secoli fino a quando, siamo nel 1870 circa, una nobildonna, tale Ottilia Heyrott, ne fece un castello di lusso. Detto castello divenne proprietà di Luigi Patalano nel 1896. Il Patalano, giornalista, politico ed avvocato foriano, sembra abbia lasciato tracce del suo operato anche in ambienti massonici e per questo ricordato da alcuni come uno dei massimi esponenti della massoneria napoletana dell’a e forse anche di più (Ivano Fiorentino – Il riflesso di un arcobaleno sulla Colombaia, Graus Editore, 2012). A questa dimora, il Patalano riuscì ad affiancare anche la nota Colombaia, famosa per esser divenuta in tempi moderni dimora del regista Luchino Visconti, anch’ esso noto esoterista. Secondo recenti studi, le due dimore del Patalano vennero realizzate con fini esoterici; vere e proprie dimore alchemiche. Possibile che il Patalano scelse questi due luoghi a caso? A questo punto sembrerebbe di no. A nostro avviso, questa linea energetica o Ley line, sembrerebbe sfiorare di poco la Chiesa di San Gaetano a Forio ma l’esperienza ci insegna che probabilmente (bisognerebbe effettuare misurazioni in loco) questo fiume energetico devierebbe in un qualche punto per giungere a detta chiesa in prossimità del suo altare e proseguire poi oltre fino al cimitero di Forio d’Ischia.

 

2° Flusso: Chiesa del Soccorso-Chiesa di Santa Maria di Loreto-Chiesa di San Michele Arcangelo (Monterone)

3° Flusso: Chiesa di Sant’Antonio Abate-Chiesa Santa Maria di Loreto-Cappella Piro(Lacco Ameno)

4° Flusso: Chiesa di San Gaetano-Chiesa del Purgatorio (ex San Michele Arcangelo)-Chiesa di Santa Restituta (Lacco Ameno). L’area dove oggi sorge la chiesa di Santa Restituta a Lacco Ameno non deve meravigliarci. E’ la sua stessa storia a farci ipotizzare che il sito è collegato a particolari energie. Dal 1951, grazie all’ opera instancabile del “prete-archeologo” Don Pietro Monti, vennero alla luce un antico cimitero cristiano ed in seguito numerose tombe fenicie, puniche e greco-romane oltre a numerose fornaci riconducibili alla produzione di ceramiche per le quali la zona è stata famosa in età antica. Dalle fonti storiche apprendiamo che il sito nel 1036 venne affidato alla cura dei Benedettini; Il Conte Marino Melluso d’Ischia (governatore al Castello Aragonese all’epoca) fece costruire sulle rovine dell’antica basilica paleocristiana un “horatorium ha nobo fundamine had onore ipsius cristi virginis et martiris restitute” affidandone la cura ai monaci benedettini (Tremila e trecento anni di civiltà mediterranea rivivono negli scavi di S. Restituta di Lacco Ameno – Pietro Monti).

5° Flusso: Convento San Francesco (Forio)-Chiesa di Sant’Antonio Abate-Chiesa di San Carlo

6° Flusso: Chiesa Santa Maria di Loreto-Chiesa di San Gaetano

7° Flusso: Colombaia-Necropoli di San Montano-Chiesa di Santa Restituta-Quartiere Cilento-Chiesa di Sant’Antonio (Ischia)

8° Flusso: Resort Mezzatorre-Necropoli di San Montano-Cimitero di Piedimonte

9° Flusso: Chiesa di Santa Restituta-Cappella Piro-Cimitero di Piedimonte

10° Flusso: Ex Chiesa di San Pietro (Riva destra porto)-Quartier Cilento-Cimitero di Ischia-Grotta del Mago (Necropoli tempio del Sole come da “Ischia Occulta)

 

 

  

A questi primi “ipotetici” flussi energetici se ne potrebbero aggiungere altri nel momento in cui diamo voce ad alcune testimonianze raccolte negli anni passati secondo le quali nella vallata sottostante la zona agricola di Ruffano vennero trovate in diverse circostanze sepolture greche. Una necropoli a tutti gli effetti persa nel tempo. Probabilmente parte integrante di quella misteriosa città i cui ritrovamenti sono saltati fuori negli ultimi decenni e di cui si sentono storie da paesani in vena di raccontarle. Noi queste storie le abbiamo ascoltate in diverse occasioni, anche in età adolescenziale. Parliamo di un centro abitato che dalle sorgenti dell’acqua Calvasia (o poco giù), tra Panza e Succhivo, arrivava fino a mare. I templi erano situati verso zona Madonnella a Sant’ Angelo e zone limitrofe, la necropoli si sarebbe trovata nella valle di Ruffano scendendo fin quasi verso il ponte di Cava Grado. Il resto era tutto occupato da abitazioni. La zona dei Maronti, infine, era sede di centri termali così come la zona di Cava Grado. Ad una veloce ed azzardata analisi quanto appena esposto potrebbe non essere tutto frutto della fantasia. Tralasciando le storie ascoltate, è logico ipotizzare che una flotta di navi provenienti dal Sud Italia debba trovarsi sulla propria rotta la parte meridionale dell’ isola d’Ischia che all’ epoca era molto differente da come la conosciamo oggi. Un clima mite e soleggiato, spiagge, un ottimo approdo, acque sorgive e zone pianeggianti. Non si capisce perché avrebbero dovuto circumnavigare mezza isola per stanziarsi presso Monte Vico. Cosa che sicuramente fecero successivamente, forse spinti dalla necessità di procurarsi materie prime.

 

CONTINUA

Posted in Articoli & news. Tagged with , , , , , , , .

Ischia, studio energetico – Parte prima

Il presente studio affonda le sue radici nel 2015, anno di pubblicazione del nostro secondo lavoro editoriale “Mikael”. In esso, grazie a personali esperienze esoteriche, gettammo le basi per uno studio energetico di Napoli che ci portò a tener conto di particolari fiumi energetici alla base del suo antico reticolato urbano ben visibile ancora oggi. Potremmo semplificare asserendo che l’antica Neapolis venne edificata tenendo conto di particolari “Lay Lines” ben note ai suoi costruttori, chiunque essi fossero. Noi, di questi fiumi energetici, ne individuammo alcuni abbozzandone anche l’orientamento rispetto al nord vero. Tra di essi ne individuammo uno che per caratteristiche definimmo “principale”. Grazie alle particolari esperienze esoteriche prima accennate, capimmo di trovarci innanzi ad un flusso di energia “sacra” la cui fonte era l’antico Santuario di San Michele Arcangelo in Puglia. Questo flusso sacro, proveniente dal Gargano, arrivava fino al Chiostro di Poggioreale nell’ omonimo cimitero napoletano, attraversava tutto il tessuto cittadino fino ad arrivare al Castello di Nisida. Da qui, rispettando in pieno le teorie delle “Ley Lines”, deviava il suo corso giungendo fino al Santuario di San Michele Arcangelo a Procida. Da questo sacro tempio il flusso di energia “Mikaelica” partiva per raggiungere la parte sud orientale dell’isola d’ Ischia. Anche questa volta il flusso energetico, raggiunto il castello d’Ischia, deviava il suo corso per raggiungere infine la “Torre di Sant’Angelo” nell’ omonimo paese. Dopo aver toccato quest’ ultimo luogo, non sappiamo quale potè essere la sua destinazione. Ciò che conta è aver trovato validi indizi grazie ai quali poter proseguire le nostre indagini e permettere al lettore di seguirci in maniera chiara.

Fu grazie allo studio dei luoghi sacri napoletani che potemmo giungere alla conclusione che il flusso sacro Mikaelico partiva dal Chiostro di Poggioreale con un orientamento di circa 233 gradi rispetto al nord vero. Il valore in gradi appena esposto non è esente da errori, ovviamente. Non possiamo certo considerare un fiume energetico al pari di una retta. Tuttavia siffatta rappresentazione ci permette di avere le idee chiare sul percorso da esso compiuto attraverso il tessuto cittadino. Numerose chiese con il proprio orientamento dell’asse maggiore (o minore) lo proverebbero. Tra esse un ruolo importante lo ricoprirebbe la Chiesa di San Lorenzo Maggiore, a pochi passi dal vicolo di San Gregorio Armeno. Detta chiesa riceverebbe il sacro flusso esattamente dove è collocato al suo interno l’altare maggiore. Il fiume energetico, proseguendo, toccherebbe altre chiese lungo il suo percorso. Tuttavia uno studio approfondito sul campo si rende necessario al fine di individuare le piccole deviazioni evidenziate proprio dall’ orientamento di quest’ ultime rispetto al nord vero.

Chiese orientate, flussi sacri, divinità rispettate grazie a complessi riti di fondazione….Possibile? A tal proposito è importante per noi uno studio del Prof. Renato Palmieri reperibile sulla pagina web “web.rcm.napoli.it/clip/napoli1.htm”.

Secondo questo studio, esisterebbe un documento a firma di un ignoto “Dicearco di Cuma” nel quale viene raccontato l’atto di fondazione di Neapolis. Il complesso rituale è portato a termine dal nobile e saggio Ileotimo, figlio di Timanore, reputato come “esperto nella sapienza di Pitagora”. Il misterioso documento, ancora oggi al centro di animate discussioni da parte di storici ed appassionati, sembra essere sospeso in un limbo. Non è ben chiaro se sia autentico o meno. A noi è risultato interessante grazie ad un particolare, risultato poi di massima importanza per i nostri studi. Di seguito riportiamo una rappresentazione grafica dell’atto di fondazione.

 

 

In essa il tratto HU, stranamente, presenta lo stesso orientamento del nostro ipotetico flusso energetico. Strana coincidenza. Tuttavia non è l’unica. Lo stesso Corso Umberto notammo incastrarsi bene tra i vari flussi energetici da noi abbozzati. E ripeto. Abbozzati, perché solo uno studio più approfondito potrà darci ulteriori indizi al riguardo delle loro reali direzioni. Noi questo studio, per ciò che riguarda il tessuto urbano di Napoli, lo abbiamo momentaneamente messo a riposo. Tutt’ altra cosa invece lo studio inerente il tessuto urbano (e non) isolano. A tal proposito è stato fondamentale lo studio di una pietra miliare in questo “campo”, ossia “L’Architettura invisibile” del compianto Georges Prat, edito in Italia dalla DBS edizioni. Punto di partenza quel Santuario Micaelico procidano, spesso da molti ignorato ma a nostro parere vera perla nostrana.

Nell’ imponente lavoro di Prat, è interessante focalizzare l’attenzione su quelle che sono le caratteristiche di

Il Giordano: ossia una corrente d’acqua sotterranea che spesso rappresentava il passaggio dalla parte iniziale della chiesa poco energetica al primo dei “tre piani di coscienza”.

Essi rappresenterebbero le tre tappe evolutive dell’uomo: il rettangolo rappresentante la vita fisica, il quadrato rappresentante la vita spirituale ed il cerchio rappresentante la vita divina. Queste tre figure geometriche, in moltissime chiese, sono cardine principale intorno al quale l’architettura prende forma completandosi con la parte energetica già presente in loco. Conseguentemente non è raro trovare all’ interno di antiche chiese flussi di energia in grado di dare forma a queste aree “energetiche”.

Orientamento del Coro ad Est: Il cardine Est è la direzione del sorgere del Sole, rappresentante la nuova alba di un Mondo migliore, retto dalla giustizia e dall’ Amore. Il Regno dei Cieli in Terra alla fine dei tempi. La direzione da cui sorgerà il Regno di Dio.

Pianta aurea: Nelle chiese antiche la stessa pianta è costruita su rettangoli aurei. I diversi punti geometrici sono ben evidenziati da particolari architettonici.

L’Altare: Esso dovrebbe trovarsi nel punto di intersezione di diversi flussi energetici. Spesso in corrispondenza dell’incrocio delle 2 reti già a molti note ossia Curry e Hartmann (rete del Ferro e del Nichel). Se tutto è a regola d’arte il punto in cui è collocato l’altare è attraversato da correnti d’acqua sotterranee, una o più faglie geologiche e spesso anche da uno o più flussi energetici sacri di notevole intensità provenienti da luoghi particolari che possono essere altre chiese o santuari. Infine è spesso accertata la presenza di camini energetici ossia delle entità il cui compito è quello di regolare le energie del luogo (detta in maniera semplice).

Colonne: Esse dovrebbero trovarsi in corrispondenza dei punti di incrocio delle 2 reti. Per entrambe, solo quelli a polarità positiva o quasi sono liberi. I restanti vengono assorbiti dai pilastri.

Pavimento: Spesso al di sotto di esso è possibile notare la presenza di ciottoli di fiume. Essi sono impregnati dalla “memoria dell’acqua” e conseguentemente sono in grado di ricoprire lo stesso compito affidato ad una corrente d’acqua sotterranea. Si crea in questo modo un flusso di energia “artificiale” laddove ce ne sia bisogno in fase di costruzione.

Guardiano eterico: Entità a guardia dell’edificio religioso.

Passare all’ identificare questi diversi flussi energetici non è cosa da poco, anzi. In primis rimane il problema della “tranquillità di indagine” cosa assente o quasi quando parliamo di chiese. Quanto appena esposto è solo una piccolissima parte del lavoro celato dietro la costruzione di una chiesa “alla vecchia maniera”. Detto ciò appare chiaro che un’indagine di questo tipo portata avanti nel tessuto urbano napoletano risulterebbe impresa titanica. Ma non ad Ischia. Negli ultimi mesi ci si è dedicati alla mappatura delle principali chiese isolane, con particolare attenzione posta sull’ inclinazione che i loro assi maggiori hanno rispetto al Nord vero. A conti fatti, alcune di loro hanno sollevato molti interrogativi. A questo primo lavoro si è affiancata l’esperienza maturata durante la stesura del nostro “Mikael”. Grazie alla superficie modesta della nostra isola, in rapporto a grandi metropoli quale può essere Napoli, il lavoro di mappatura delle principali linee energetiche isolane risulta più semplificata non escludendo con ciò le già note “Ley lines funerarie”. Per quest’ ultime la Necropoli di San Montano” ci è stata di grosso aiuto. Ma vediamo nel dettaglio alcune chiese di particolare importanza.

 

ASSE MAGGIORE ORIENTATO PER 008°

 

Chiesa Madonna di Montevergine – Succhivo

Chiesa di San Gennaro – Panza

Chiesa di San Giorgio – Testaccio

 

ASSE MAGGIORE ORIENTATO PER 045°

 

Chiesa di San Michele Arcangelo – Forio

Cappella privata famiglia Piro – Lacco Ameno

Chiesa Santa Maria Addolorata

 

ASSE MAGGIORE ORIENTATO NORD-SUD

 

Chiesa Madonna di Loreto – Forio

Chiesa di San Vito – Forio

Chiesa San Francesco di Paola – Forio

Chiesa dell’Assunta – Lacco Ameno

Chiesa di San Pietro – Ischia

 

ASSE MAGGIORE ORIENTATO PER EST-OVEST

 

Chiesa del soccorso – Forio

Chiesa di S. Anna – Ischia

Da una prima analisi risulta strano avere due chiese orientate, a pochi chilometri di distanza, per 8 gradi che non lascia pensare ad un caso. Esse non sono neanche allineate ragion per cui deve esserci tra loro un elemento in comune. Si potrebbe pensare ad un flusso energetico comune ma ciò non giustificherebbe lo stesso orientamento voluto per la chiesa al Testaccio. Che il numero 8 possa avere un significato particolare? Magari legato ad un Santo i cui festeggiamenti cadono l’ottavo giorno di chissà quale mese?

Altra anomalia risulta quella dell’orientamento per 45 gradi. Sappiamo da studi analoghi al nostro, ma portati avanti in altre città, che questo orientamento non è raro ma neanche comune. Quindi il voler orientare un edificio religioso per 45 gradi lascia intendere altro. Probabilmente si è voluto legare l’edifico alle energie della Rete di Curry che grosso modo è orientata per 45 gradi rispetto alla Rete di Hartmann, quest’ ultima orientata Nord-Sud. La stessa cattedrale di Chartres è orientata per 45 gradi ed in questo caso l’orientamento è voluto per sfruttare a pieno gli incroci energetici della zona. È un’ipotesi. Del resto tra la posa della prima pietra della chiesa di San Michele Arcangelo e quella della cappella Piro intercorre un lasso di tempo molto ampio. Ricordiamo infatti che quest’ ultima chiesa risale alla metà del XIX secolo circa e non è allineata con le restanti due dalle quali risulta ben distante. Stesso discorso lo si potrebbe fare per le due chiese foriane ossia la Chiesa della Madonna di Loreto e quella di San Vito che non risultano allineate tra loro ma il loro orientamento lascia ipotizzare una costruzione lungo la Rete di Hartmann. La loro fondazione è incerta ma sembra che i costruttori utilizzarono conoscenze comuni. Sempre rimanendo nel campo delle teorie, almeno fino a quando non sarà possibile una misurazione in loco, anche la Chiesa di San Pietro può aver subito destino analogo all’ atto della sua fondazione, certamente più recente rispetto alle precedenti. Soffermandoci poi sul sagrato della chiesa ischitana è chiaro che i suoi costruttori la vollero orientare lungo l’asse Nord-Sud di proposito!

Un discorso diverso, invece, è necessario farlo quando si parla delle due chiese orientate lungo l’asse Est-Ovest. A prima vista può sembrare che sia stata rispettata una delle regole più importanti per la messa in posa di un edificio di culto, ma non è così. Entrambe le due chiese hanno l’altare rivolto verso Ovest. In pratica clero e fedeli pregano in quest’ ultima direzione. Direzione opposta.

Studi sull’ orientamento degli edifici religiosi sorti durante lo scorrere dei secoli risultano numerosi e tutti degni di nota. Tuttavia non è nostra opinione ritenere un edificio religioso orientato soltanto tenendo conto del punto del sorgere del sole in determinati giorni dell’anno o di particolari festività religiose. È indubbia una componente energetica convergente laddove è collocato l’altare.

Sappiamo che l’edificio religioso così come lo conosciamo si è andato diffondendo dal IV secolo d.c. grazie all’ editto di Milano che rese il culto cristiano libero di essere professato alla luce del sole. Si abbandonò il culto “casalingo” e si andò sviluppando il culto “basilicale”. Fu allora che prese andò affermandosi l’edificio religioso orientato lungo l’asse EST-OVEST. Era consigliato pregare verso oriente (EST) per i motivi già ricordati. Ogni religione possedeva una direzione sacra verso cui rivolgere le preghiere. Per la cristianità di allora essa era l’EST, simbolo di Resurrezione. Tale concezione venne rafforzata nel IV e V secolo dalle  Costituzioni Apostoliche e lo stesso S. Agostino consigliava di pregare rivolgendosi all’ astro nascente (il Signore). Questa regola però, ritornando all’ orientamento del tempio, non era rispettata da tutti, anzi. Ad Ischia per quanto si è cercato non siamo stati in grado di trovare chiese correttamente orientate. È pur vero che Ischia ha subito innumerevoli calamità di ogni genere negli ultimi secoli e molti edifici religiosi non hanno lasciato tracce del loro originario impianto. La chiesa del Soccorso, ad esempio, è orientata lungo l’asse EST-OVEST ma in maniera opposta. I fedeli pregano rivolti verso ovest. Rimane però il fatto che il presbitero celebrante inizialmente era rivolto verso il popolo, poi venne imposta la celebrazione in senso opposto per poi ritornare alla celebrazione verso il popolo in tempi moderni. Tutto ciò ci porta ad un’ipotesi: è mai possibile che l’importante era la direzione in cui il presbitero celebrava il rito e non l’orientamento dell’edificio religioso? Se così fosse si spiegherebbero tutte quelle chiese orientate per Ovest! Del resto la stessa Basilica di San Pietro a Roma è orientata per Ovest! L’ orientamento per Est sopravvisse per secoli ma il crescente sviluppo demografico portò all’ abbandono di questo criterio a favore di esigenze topografiche. Una cosa è certa. La percentuale di chiese costruite rispettando la quasi totalità di ciò che fino ad ora abbiano evidenziato sono di tipo romanico ossia risalenti all’ XI secolo. Ed è questo il periodo storico che terremo in considerazione durante le nostre ricerche.

Per quanto riguarda gli strumenti di orientamento, gli studi confermano un calo di precisione dal XVI secolo in poi da quando si abbandonarono i sistemi gnomonici le cui basi poggiavano sugli studi di Vitruvio per calcoli basati su un nuovo strumento di orientamento, bussola magnetica, legata come sappiamo ai meridiani magnetici in relazione ad un angolo correttivo al fine di ottenere il meridiano vero.

Prima di addentrarci più approfonditamente nelle fasi preliminari del nostro studio energetico ischitano, è giusto ricordare una cosa importante, ed è lo stesso Prat a ricordarcelo. I Benedettini, a cavallo tra il IX ed il X secolo, erano considerati l’ordine monastico detentore della sapienza necessaria alla costruzione dei luoghi di culto armoniosamente inseriti nel contesto energetico del luogo di costruzione. Tale sapienza incontrò quella dei 9 Cavalieri del Tempio quando, al ritorno dalla Terra Santa, fecero confluire il tutto nella costruzione delle Cattedrali, spesso sorte in luoghi disabitati o poco abitati s emesse in relazione alla loro grandezza. Autore di ciò fu quel San Bernardo di Chiaravalle che nel 1118 inviò i 9 Cavalieri a Gerusalemme. Ritornarono dopo 10 anni ma non si seppe mai cosa laggiù fecero realmente.  Conosciamo invece il frutto di quel viaggio. Enormi luoghi di culto sapientemente costruiti dal nulla con tecniche costruttive senza pari e senza precedenti perfettamente armonizzate con le energie dei luoghi in cui sorsero. Noi, per le nostre ricerche, partiremo proprio dalla presenza dei Benedettini ad Ischia che sappiamo ci furono ed operarono costruendo luoghi di culto quasi del tutto scomparsi.

Nella foto in alto: Primo tratto della linea energetica sacra di San Michele. Essa giungerebbe a Procida toccando il Santuario di San Michele Arcangelo proseguendo poi per Ischia toccando dapprima il Castello Aragonese e proseguendo poi per la Torre di Sant’ Angelo. Sia il Santuario a Procida sia quello un tempo presente sulla torre di Sant’ Angelo hanno origini Benedettine. In pratica i due luoghi si “guardano” forti delle stesse origini. A riprova di ciò l’ asse maggiore del Santuario di Procida è inclinato di 242 gradi. Guarda esattamente il Castello Aragonese!

 

 

 

 

Posted in Articoli & news. Tagged with , , , , , , , , .

Strane luci

L’amico Rosario Ferrandino ci ha inoltrato un video risalente al 5 novembre scorso, da lui fatto, che mostra strane luci poco distanti da Monte Vezzi. Quella sera, lo ricorderete, era maltempo. Precisa Rosario che: “Ho visto queste luci strane sulla montagna che si vede da Barano (diciamo quella vicino Monte Vezzi); il video è stato girato in circostanza di mal tempo (vento e molta pioggia) che non mi fanno pensare a delle persone con torce anche perché se si vede il posto di giorno non ci sono abitazioni e ne strade carrabili in quel posto.” Pubblichiamo volentieri con la speranza di avere ulteriori testimonianze anche in forma anonima.

 

 

Posted in Articoli & news. Tagged with , .

Visite Pleiadiane

Venni a conoscenza dell’ esistenza dei “Pleiadiani” per caso, in una fase della mia vita dove certi argomenti iniziavano timidamente ad affacciarsi. Fu grazie ad un simpatico signore panzese che a quei tempi mi incuriosiva con le sue esperienze; astronavi Pleiadiane che in qualsiasi periodo dell’ anno andavano a trovarlo ed i cui occupanti lo intrattenevano con piacevoli, ed a volte accesi, scambi di opinioni sui temi più disparati. Per anni questo simpatico signore asserì di avere quelle esperienze, difendendosi a spada tratta contro increduli paesani sempre pronti a deriderlo. Tutto ebbe inizio con il famosissimo libro di Billy Meier – Messaggio dalle Pleiadi – che negli anni a seguire lessi e rilessi con attenzione. L’ oramai famosa astronauta Pleiadiana Semjase era la figura al centro delle esperienze del nostro amico panzese.

A distanza di anni ecco riaffacciarsi nelle nostre esistenze la presenza dei Pleiadiani. Non è nostra convinzione pensare di essere soli in un universo infinito, le cui leggi ancora sfuggono al nostro essere, questo è noto a chi ci conosce. Noi non siamo “nati” ufologi. Il fenomeno UFO dovrebbe servire solo a far fare un passo in avanti alle proprie coscienze; dovrebbe servire ad aprirci gli occhi e farci capire che esiste “altro”.

Patrizia Cinotti è una di quelle persone che a prima vista sembrerebbe una tra tante ma non è così. Noi la conoscemmo il mese scorso quando un simpatico ed eterogeneo gruppo di amici vollero collaborare con la nostra Associazione Culturale al fine di conoscere aspetti energetici della nostra amata isola.

Con Patrizia parlammo delle sue esperienze, dell’incontro con i Fratelli Pleiadiani che gli cambiarono la vita fin dal lontano 2009. Ascoltammo con interesse ciò che aveva da condividere. Una persona umile e gentile come poche. Spesso chi ha esperienze di questo genere tende purtroppo ad incamminarsi dove non dovrebbe, grazie al fatto di sentirsi un privilegiato, qualcuno superiore alle masse. Patrizia no. Il suo è stato un percorso di umiltà e di sforzi nel capire cosa le stesse accadendo. Forse per questo ci sentimmo subito a nostro agio, in sintonia con le sue “vibrazioni”.

“Il ritorno del Sole Centrale” è il libro in cui Patrizia si racconta, ricco di testimonianze fotografiche, di messaggi di Luce e di speranza. E’ il libro di una persona speciale che ha fatto tesoro di queste sue esperienze a favore di chi la circonda.

 

Loro, i Fratelli Pleiadiani, ovunque Patrizia vada, le fanno sapere dove scattare. Ed i suoi scatti all’ occhio attento nascondono oggetti volanti in lontananza, dalle forme più strane. Sono discoidali, a volte geometrici. Altre volte sono sigariformi. I suoi scatti sono la prova che un legame esiste ed i Fratelli Pleiadiani non sono avari quando si tratta di fornire prove sulla loro esperienza. Il libro di Patrizia è colmo di foto testimonianze provenienti da ogni dove. E fu così anche per Ischia. Noi avemmo la fortuna di vedere le foto scattate da Patrizia ad Ischia. Ovviamente anche noi inizialmente facemmo le classiche domande: “Sei sicura? Non è che si tratta di droni, gabbiani, palloncini o altro?” Patrizia ci rassicurò dicendoci che laddove le venisse indicato di scattare lei scattava. Non è facile parlare di un legame così profondo tra Lei ed i Fratelli Pleiadiani; in pochi capirebbero. Ma le foto esistono e sono qui riportate. Sono foto di crescita interiore ed autoconsapevolezza e ringraziamo Patrizia Cinotti per avercele donate come solo una persona speciale ed umile come Lei può fare.

 

 

INGRANDIMENTI:

 

Posted in Articoli & news. Tagged with , , , .

Attività UFO spiaggia della Chiaia – Fenomeno ancora attuale

 

L’ amico Salvatore ci ha mandato un nuovo video riguardante un oggetto volante non identificato ripreso lunedì scorso verso le ore 19:00 nei pressi della spiaggia della Chiaia in quel di Forio d’ Ischia. La forma, il movimento e la zona di avvistamento lo inseriscono in un contesto a noi già noto e portato alla nostra attenzione proprio da Salvatore mesi addietro. Anche in questo video l’ oggetto è “nebuloso”, sembrerebbe non avere tratti solidi e nel mezzo presenta un misterioso foto evidente nei primi fotogrammi del video. Un medesimo oggetto di colore verde pochi giorni dopo è stato visto muoversi in direzione Panza sempre proveniente dal comune foriano. Purtroppo l’ elevata altezza non  ha permesso una ripresa video ottimale. Tuttavia l’ UFO in questione, di cui alleghiamo il video, non è un caso isolato. Come sempre chiediamo a chiunque sia stato testimone del medesimo avvistamento o di altri analoghi di farci pervenire anche in forma anonima le proprie esperienze al fine di  capire meglio il fenomeno che a tutt’ oggi interessa il lungomare foriano.

Ringraziamo nuovamente l’ amico Salvatore per il video in questione.

Posted in Articoli & news. Tagged with , , .