Le divine acque di Olmitello

Tratto dal seguito di “Epomeo, figlio di Agarthi” di prossima pubblicazione.

 

 

 

Al giorno d’ oggi, sia al turista che all’ isolano, è poco nota quella che un tempo era la famosa acqua di Olmitello. Non possiamo dare torto a queste persone. Anche noi, se non fosse stato per un problema di salute legato ai reni, probabilmente non avremmo avuto occasione di conoscerla. A differenza della sua famosa controparte, Nitrodi, Olmitello è raggiungibile dalla spiaggia dei Maronti, grazie ad una valle scavata naturalmente nel Tufo. La passeggiata è rilassante e suggestiva; la macchia mediterranea è la padrona incontrastata di questi luoghi. Lì, dove un tempo erano posati gli occhi di molti, sgorga un’anonima acqua, un tempo considerata addirittura frutto degli Dei.

Nel XVI secolo il medico calabrese Giulio Jasolino, di cui già parlammo precedentemente, scriveva nel suo De Rimedi che le acque di Olmitello erano in grado di guarire stomaco, occhi, febbre, artrite soprattutto i calcoli. Quest’ ulitma patologia sembra potesse essere guarita dalle acque grazie “all’ orrotondamento“ delle pietre renali in grado così di fuoriuscire per le vie urinarie. Questa caratteristica posseduta dalle acque di Olmitello sarebbero alla base dell’ etimologia del suo nome (dal greco pietra rotonda). E noi questo lo constatammo con i nostri occhi. Le acque funzionarono e facemmo conoscenza con esse ed il loro “strano“ sapore che lasciano in bocca.

Come dicevamo la fonte era ben nota in tempi antichi. Per Greci e Romani era considerata sacra così come tutte le altre acque della nostra isola. In tempi più recenti ritroviamo autorevoli studi affrontati in materia da illustri uomini di scienza isolani, ritroviamo il fisico Francesco De Siano, il dottor Chevalley De Rivaz, Venanzio Marone, tanto per citarne alcuni. La sorgente ricevette le attenzioni anche di Giorgio Carafa, vicerè di Palermo che, giunto ad Ischia per le cure termali, ci rimase fino alla morte avvenuta nel 1775. Il nobiluomo non solo rese agevole la strada per raggiungere la sorgente, oramai quasi del tutto persa, ma si dedicò anche al rispristino della Sorgente di Cava Scura.

Negli anni ’50 del secolo scorso la sorgente venne affidata alla società CIVAM per estrazione di sali. La fabbrica durò poco tempo, il giusto per lasciare ancora in giro al giorno d’ oggi oggetti di antiquariato legati a quel commercio.

Noi ci recammo alla sorgente più volte, affascinati dal sentiero e dal silenzio che regna in quei luoghi. Sembra avvolto tutto da un alone di riverenza. E a nostro avviso così dovrebbe essere, se non altro per rispetto alle divinità lì presenti.

Recandoci sul posto rimanemmo colpiti da un curioso cartello, segno che in zona qualcuno che nutre rispetto per questa sorgente c’è ancora. Il cartello recita:

Non con la guerra a turno Enea conquistò la Principessa Lavinia, ma offrendole ampolle della preziosa acqua d’ Olmitello, che bellissima la rese. Dione Cassio

Le qualità di queste acque sono note sin dall’ antichità. Già nel 1588 il dottor Giulio Jasolino con i suoi studi elencava i benefici di quest’ acqua ricca di bicarbonato solfato alcalina avendo effetti benefici per lo stomaco, gli occhi, i calcoli, febbre, artrite. Tanto da attribuire le sue proprietà terapeutiche di Natura Divina. Peppe dell’ Oasi la Vigna“

E noi non perdemmo tempo e riuscimmo, così come fatto precedentemente, ad instautare un dialogo con la “Divinità“ coordinatrice della sorgente. Di seguito il nostro dialogo:

D: Fratelli, potete metterci in contatto con lo Spirito elementale che coordina e governa la sorgente dell’ acqua dell’ Olmitello?

R: E’ quì. Quando siete pronti trasmetterò le vostre domande.

D: Spirito, parlateci del lavoro svolto dalle vostre acque su noi umani.

R: Le vostre domande necessitano risposte ed io vi risponderò perchè sono il vostro amore da donare. Trasformatele in eterna energia.

Le mie acque sono vive e trasformano le vostre cellule in Luce ma solo quando userete coscienza nel berla. Solo voi non capite che Vita significa entrare in contatto con le acque. Le mie acque lavorano i centri sottili portandovi Luce. Voi lenirete tutte le vostre pene purchè la beviate in consapevolezza. Tutte le acque hanno delle energie ma solo quelle volute dai nostri Fratelli hanno particolare compito. Le mie acque alimentano le vostre energie trasformandole in quelle che il nostro Creatore chiama Amore e Virtù.

L’ acqua venne voluta per trasformarvi interiormente e creare le giuste energie umanamente indispensabili.

Sono nell’ Isola energia che trasforma i vostri pensieri trasportando quello che interessa trasformare. Voi entrerete in contatto con le mie acque dopo che avrete lenito le vostre interiora aspettando il cambiamento che le vostre cellule subiranno per mano mia. Ad ogni cento bicchieri, energie trasformeranno voi e le vostre interne energie.

D: Spirito, quali sono i benefici che donano a noi umani le tue acque?

R: Nel vostro grembo,verranno portate energie trasformatrici; in questo modo avrete le interne viscere vive e trasformate. Solo con le mie acque trasformerete umane volontà, attraverso energie manifeste, nelle voraci regioni digestive.

il trasportante lavoro è rivolto alle vie1 divoranti umane energie create con le vostre certezze, necessarie a portarvi nutrimento.

Solo grazie alle mie acque potete trasformare dentro voi stessi le energie trasformatrici necessarie per il vostro interno circolo.

Sono indicata ponendo le mie energie in contatto con l’ intestino e gli organi collegati con le trasformazioni2. Sono indicata ponendo le mie energie a contatto con le mani in quanto sono in grado di volgere in quel punto umano illuminare i centri energetici vivi quando è tutto bloccato. Ad ogni energetico sorso le mie energie trasformano voi in entità in grado di emettere energie curatrici grazie ai nuovi centri energetici umani fatti rinascere con le mie energie.

Solo con le mie acque potete entrare dove il corpo non deve. I sogni nei quali dimora il corpo trasformato in astro e nelle cupe regioni dei vostri incubi da voi possono essere visitati coscientemente grazie alle mie energie.

D: In che modo?

R: Sono in grado di trasportare il vostro corpo energetico in quelle regioni quando siete in questo mondo; bevete le mie acque ponendovi in certe emotive condizioni ed entrerete in contatto con energie in grado di guidarvi in quelle regioni oniriche.

Ponete nell’ acqua le vostre volontà prima di addormentarvi. Esprimete le vostre volontà e troverete le energie necessarie .

D: Spirito, perchè dovremmo beneficiare di un simile dono?

R: Le vostre parole sono Luce ma sappiate porre le giuste domande. Sono energie umane a spingervi tra i mondi onirici ma senza volontà non entrerete in contatto con le entità. Le mie acque sono in grado di liberare le vostre strali energie.

1 L’ apparato digestivo.

2 Processo digestivo.

Posted in Articoli & news. Tagged with , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *