L’ albero maestro – l’ acqua d’ Oglio

A distanza di poche ore dal primo incontro con il grande albero descritto nell’ articolo precedente rieccomi in compagnia di Daniela e di un amica molto speciale al cospetto di questo maestoso Carpino Nero, uno degli alberi maestri della nostra isola per approfondire esotericamente alcune cose alquanto importanti.

Anche in questo caso l’ albero ha dimostrato di trovarsi all’ interno di un cerchio energetico di raggio 35 metri al cui interno, albero compreso, l’ energia è di circa 33000 Bovis. E’ un albero antico e fiero. Entrandoci in contatto apprendiamo trattasi di un albero dedito all’ equilibrio ed allo scambio di energie. In poche parole lavora con esse e le dispensa al territorio. E’ un albero maestro e come tale raccoglie tutto ciò che riguarda i suoi simili.

Apprendiamo con stupore che nelle vite passate anche noi ci ritrovammo più volte al suo cospetto e cosa molto importante l’ albero è in grado di fornirci un valido strumento per mettere a punto un acqua energetica di altissima qualità.

L’ esperimento è stato condotto, ma è ancora in corso, chiedendo all’ albero di fornirci un germoglio piantabile di se stesso.

Portato a casa il germoglio è stato piantato ed affiancato ad un bicchierino di 10 cl d’ acqua di Nitrodi posto ad una distanza massima di 2 centimetri. Si è misurato che in sole 5 ore l’ acqua del bicchierino è passata da 12000 a 33000 Bovis segno che il grande spirito ha lavorato anche lontano dal bosco laddove una sua piccola parte ancora viveva. Si è preso l’ acqua così ottenuta e si è versata in un litro d’ acqua in vetro portando quest’ ultima da 12000 a 33000 senza perdita di energia. Il tutto è stato lasciato riposare sul fiore della vita usato da sottobicchiere.

Si è ripetuto il procedimento 3 volte ottenendo i medesimi risultati ovvero acqua potabile a 33000 Bovis – l’ acqua d’ Oglio.

 

 

WP_20150411_006

 

L’ esperimento continuerà incontrando un altro albero maestro, già incontrato anni addietro, sito non moto distante da Piano San Paolo e ripetendo i medesimi esperimenti.

Posted in Articoli & news.

4 Responses

  • Amministratore
  • Amministratore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *