La Madonna della Montagna

La notizia risalirebbe al 2010 e più precisamente al mese di Luglio. Il luogo di culto teatro della vicenda è una piccola grotta sul Monte Barbaro in cui è stata collocata per devozione e ringraziamento di guarigione miracolosa avvenuta una statua della Madonna di Lourdes. Una miracolosa guarigione ad un male incurabile avvenuta in favore di un residente della zona sul quale i medici hanno alzato le mani. Il messaggio della Madonna trasmesso in segno al fedele è semplice: Pace! Da allora per la “Madonnina si sotto il Monte” è iniziato un vero e proprio cammino di fede dei tanti che, per devozione, si avventurano fin sopra la piccola grotta. A detta di alcuni, sul posto si avvertirebbero energie particolari.

La vicenda, vera o non vera, non può far altro che risvegliare altre coscienze. Il messaggio di Pace è un messaggio di cui la nostra società moderna ha sempre più bisogno. Che ben venga un nuovo piccolo luogo di culto in cui la preghiera e l’amore possano rifiorire nei cuori della gente. Spesso amici e parenti mi hanno domandato se possa esistere un legame tra le apparizioni Mariane ed entità extraterrestri.

Da sincero credente (non piegato alle innumerevoli ed umane leggi e dogmi creati ad hoc da alcune istituzioni religiose) amo rispondere che non importa sapere se ci possa essere un legame tra le due cose. Quello che conta veramente è l’ amore e la pace che da questi avvenimenti possono nascere nei cuori della massa. La preghiera nata da amore sincero è l’ arma più più potente che i giusti hanno. E non è eresia ricordare che nei luoghi di culto, grazie proprio alla preghiera e all’ amore che si manifesta, si respiri un atmosfera “diversa”, in cui l’ anima è alleviata da ogni fardello, che si creda o no in certe “cose”.

E’ una strana coincidenza però il fato che sia ad Ischia e sia sul Monte Barbaro siano presenti luoghi di preghiera riconducibili ad apparizioni o presenze Mariane. La Madonna di  Zaro ad oggi è ben nota al fedele internazionale, un po meno quella del Monte Barbaro. Nelle mie ricerche ipotizzo per entrambi i luoghi  la presenza nel sottosuolo di “avamposti” riconducibili ad Agarthi. Con ciò non voglio prendere nessuna posizione in merito ma è interessante notare la coincidenza appena esposta. A breve ritornerò sull’ argomento con ulteriori dettagli.

Posted in Articoli & news.

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *