Epomeo figlio di Agarthi, il perchè del libro. Febbraio 2012

Decisi di mettere nero su bianco una marea di appunti, accumulati in un arco temporale ampio circa un ventennio riguardanti avvistamenti UFO e USO ma non solo; nel libro sono presenti anche numerose testimonianze molte delle quali vissute in prima persona atte a dimostrare la presenza di entità extraterrestri sull’isola d’Ischia.

Lo spunto da cui partì questa decisione furono i numerosi avvistamenti UFO nei cieli partenopei di colore rosso rubino.

Come spiegare tutto ciò, soprattutto sapendo (perchè li avevo visti tante volte) che essi uscivano dall’Epomeo?

Ho avuto modo durante le mie ricerche di venire a contatto con decine e decine di testimoni oculari, molti dei quali restivi nel parlarne, impauriti; soprattutto residenti nel comune Foriano e Serrarese.

Sono partito con l’analizzare il mito di Tifeo in maniera classica, facendo conoscere il necessario al lettore, magari forse annoiandolo un pò! In poche parole ho cercato di dare contorni i più reali possibili a Tifeo e più in generale agli Dei Greci, ovviamente sfociando in leggende tutt’altro che legate alla scienza ortodossa.

Poi, durante il corso degli anni, incontri fortuiti mi portarono su un binario tutt’altro che facile da affrontare con un approccio razionale.

Parlo del mito della Terra Cava, un mito antico quanto l’uomo probabilmente ma altrettanto poco conosciuto da noi in occidente.

Questa teoria nel corso dei secoli ha avuto moltissimi sostenitori tra i quali molti furono personaggi illustri tra i quali Edmund Halley (quello della cometa). Ebbene molti sarebbero coloro che in un modo o nell’altro sarebbero penetrati all’interno del nostro pianeta tanto che in rete circola una dettagliata mappa in cui figura l’Epomeo come entrata principale….

Queste teorie ovviamente tenderebbero a spiegare i vari processi geologici relegandoli ad una crosta terrestre fatta di numerosi strati ma non estesa fino ad un nucleo interno planetario che a quanto pare non esisterebbe.

Nel libro raccolgo le testimonianze più importanti a favore di questa teoria, associandole a vari scritti riguardanti l’Isola d’Ischia antichi e moderni che possono essere letti con una chiave di lettura diversa in favore proprio di questa teoria.

Ho voluto portare alla luce questo legame tra Ischia e l’Epomeo con la Terra cava, analizzando il mito di Tifeo da un altro punto di vista, ben diverso da quello a cui siamo abituati.

Personalmente non assumo una posizione precisa in merito. Le mie ricerche mi hanno portato a rivalutare l’intera area del golfo Partenopeo, considerandola di notevole interesse ufologico.

Colonna portante del libro infine risulterà essere una mia nuova teoria sulla scomparsa del famoso fisico Palermitano Ettore Majorana, a cui sono giunto proprio grazie alle mie ricerche, riuscendo (credo) a risolvere il mistero che lo Sciascia nel suo “La scomparsa di Majorana” teorizzò esistere qualora si leggessero più approfonditamente le lettere che lo scienziato Palermitano lasciò ai familiari prima di scomparire (presumibilmete) nelle acque del golfo Partenopeo.

Sono consapevole che questo libro non è per tutti ma sicuramente i molti Ischitani a cui è capitato di vedere “qualcosa” potrà trovarci a mio avviso molte risposte.

 

Posted in Articoli & news. Tagged with , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *